Sindrome premestruale

Quali nutraceutici sono più efficaci?

Dott.ssa Irenè Matichecchia

La sindrome premestruale (SPM) è una condizione che colpisce molte donne durante il periodo che precede il ciclo mestruale. I sintomi associati alla SPM possono variare da persona a persona e includono mal di testa, stanchezza, crampi addominali, gonfiore, ritenzione idrica e aumento dell’appetito.

Sebbene non esista una cura definitiva per la SPM, esistono diverse opzioni di trattamento che possono aiutare ad alleviare i sintomi.

Uno degli approcci di trattamento che ha suscitato interesse negli ultimi anni è l’uso di nutraceutici.

I nutraceutici sono integratori alimentari che contengono sostanze bioattive con proprietà benefiche per la salute. 

Tra i nutraceutici l’agnocasto e il ginkgo biloba sembrano essere particolarmente promettenti nel trattamento della SPM.

L’agnocasto è noto per le sue proprietà regolatrici sugli ormoni, ed è stato associato a una riduzione dei sintomi come l’irritabilità, l’umore depresso e la tensione mammaria.

Il ginkgo biloba, invece, è apprezzato per le sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, che possono contribuire a ridurre il gonfiore e l’infiammazione associati alla SPM.

Oltre a questi due nutraceutici, altri integratori alimentari possono offrire benefici nella gestione dei sintomi della SPM.

Il magnesio, ad esempio, è noto per ridurre i crampi muscolari, la tensione e la stanchezza.

Lo zinco può contribuire a ridurre l’infiammazione e trattare i crampi addominali e gli sbalzi d’umore.

Il calcio, inoltre, può essere utile per ridurre l’irritabilità e il gonfiore.

È importante sottolineare che l’efficacia dei nutraceutici nella gestione della SPM può variare da persona a persona. Pertanto, è consigliabile consultare un medico o un professionista della salute prima di iniziare qualsiasi tipo di integratore.

Oltre all’uso di nutraceutici, ci sono anche altre opzioni di trattamento per la SPM. Modifiche dello stile di vita, come una dieta sana ed equilibrata e l’esercizio fisico regolare, possono contribuire a ridurre i sintomi. In alcuni casi, il medico potrebbe prescrivere farmaci per alleviare i sintomi più gravi, come analgesici per il dolore o diuretici per la ritenzione idrica.

Se vuoi affidarti al mio studio di nutrizione, non esitare a contattarmi.