Gastrite

Riconoscere i sintomi e la dieta da attuare

Dott.ssa Irenè Matichecchia

La gastrite è una condizione infiammatoria che colpisce la mucosa dello stomaco, causando sintomi come dolore addominale, bruciore di stomaco, nausea e talvolta vomito. La dieta svolge un ruolo cruciale nella gestione della gastrite, in quanto alcuni cibi possono aggravare i sintomi e ritardare la guarigione. 

Sintomi della gastrite:

La gastrite può manifestarsi con vari sintomi, tra cui:

  1. Dolore addominale: Il dolore può essere localizzato nella parte superiore dell’addome e può essere descritto come una sensazione di bruciore o dolore sordo.

  2. Bruciore di stomaco: Questo sintomo si manifesta come una sensazione di bruciore che si estende dallo stomaco verso l’esofago, causando disagio.

  3. Nausea e vomito: La gastrite può causare sensazioni di nausea che possono portare al vomito.

  4. Perdita di appetito: A causa del malessere generale, molte persone con gastrite possono sperimentare una diminuzione dell’appetito.

Cibi da evitare nella dieta per la gastrite:

Per ridurre i sintomi della gastrite e favorire la guarigione dello stomaco, è consigliabile evitare o limitare i seguenti alimenti:

  1. Alimenti piccanti e speziati: Peperoncino, salse piccanti, pepe nero, aglio e cipolla possono irritare la mucosa gastrica, peggiorando i sintomi della gastrite.

  2. Alcol: Il consumo di alcol può aumentare l’infiammazione dello stomaco e irritare ulteriormente la mucosa gastrica.

  3. Cibi grassi e fritti: Alimenti ricchi di grassi come fritti, fast food e cibi ricchi di oli possono rallentare la digestione e aumentare l’acidità gastrica.

  4. Caffè e bevande gassate: Le bevande contenenti caffeina, come il caffè, il tè e le bevande gassate, possono aumentare la produzione di acido gastrico e peggiorare i sintomi della gastrite.

Cure alimentari per la gastrite:

Oltre all’eliminazione dei cibi irritanti, ci sono alcune cure alimentari che possono promuovere la guarigione dello stomaco:

  1. Dieta astringente: Inizialmente, una dieta astringente può aiutare a ridurre l’infiammazione dello stomaco. Questa dieta prevede cibi come riso bianco, pollo o tacchino bollito, patate lessate e banane mature.

  2. Alimenti ricchi di fibre: Una volta che i sintomi acuti si sono attenuati, è consigliabile reintrodurre gradualmente alimenti ricchi di fibre come frutta, verdura e cereali integrali. Le fibre aiutano a regolare la digestione e promuovono la salute dello stomaco.

  3. Probiotici: Gli alimenti probiotici, come lo yogurt naturale o i fermenti lattici, possono contribuire a ripristinare l’equilibrio della flora batterica intestinale e favorire la guarigione dello stomaco.

  4. Bere molta acqua: Mantenersi idratati è fondamentale per una buona salute digestiva. Bere a sufficienza acqua può aiutare a diluire l’acidità gastrica e favorire la guarigione.

La gastrite può essere una condizione dolorosa e fastidiosa, ma una dieta adeguata può svolgere un ruolo cruciale nella gestione dei sintomi e nella guarigione dello stomaco. Evitare cibi irritanti, seguire una dieta astringente iniziale e successivamente reintrodurre alimenti ricchi di fibre e probiotici può aiutare a promuovere una migliore salute gastrica. È sempre consigliabile consultare un medico e successivamente un nutrizionista per una valutazione e una guida personalizzata.

Se vuoi affidarti al mio studio di nutrizione, non esitare a contattarmi.